L’agrivillaggio nasce dalla volontà dell’agricoltore di rivedere il piano della propria azienda, dedicandosi non più alla coltivazione intensiva di prodotti cerealicoli e ortofrutticoli per le reti di grande distribuzione, ma alla fornitura di prodotti a metro zero implementando la propria attività con l’allevamento di capi ricercati, quale il pollo ruspante, o la custodia di animali per attività riabilitative (pet therapy), aggiungendo inoltre a frutteti, vigne e apicoltura attività ricettive come l’agriturismo e la fattoria didattica.

La realizzazione in questo contesto di un piccolo intervento residenziale offre la possibilità di poter vivere in mezzo alla natura, in stretto legame con l’attività agricola che ancora oggi è scandita dal ritmo delle giornate e delle stagioni, immergergendoci in un ambiente estremamente rilassante dopo l’intera giornata in ufficio, consumando un’alimentazione sana, degustando primizie colte e mangiate.